Pages Navigation Menu

get the blog!

Ogni tre notti c’è un sogno che mi consola

Ogni tre notti c’è un sogno che mi consola

Ogni tre notti c’è un sogno che mi consola

Pubblicato da Vita Marinelli  il 7 Aprile 2013.

Così canta il Faber. E così sogno io. Che se uno indovinasse i miei sogni saprebbe davvero che è così. Non solo quelli nel tempo del sonno. Anche quelli fuori dal sonno.

Solo nella stessa settimana mi ritrovo a sognare (ascoltare) da due bocche diverse, e in contesti diversi, di uno stesso atteggiamento, la mafiosità.

Valerio Varesi lo accenna alla presentazione di un libro e, se pur brevemente, lo denuncia. Poi don Ciotti, ampiamente e intensamente, in una conferenza, e per me per bocca di una madre d’anima. Senza paura dice che il male esiste, bisogna nominarlo. Nominarlo, chiamarlo per nome, il male, e senza sconti, senza furto delle parole, senza il loro abuso per mano di seduttori e manipolatori. Già. Ché le parole oggi, spesso, sono rapite della loro sostanza, della loro storia. E tocca a noi difenderle, sennò rischiamo tutti di averla dentro la mafiosità, di addormentarci. E fare anche brutti sogni. Appunto. La cultura sveglia le coscienze. La profezia del nostro tempo è abitare questo tempo, dice don Ciotti, nessuno deve scappare da questo presente, dobbiamo conoscerlo. Se conosciamo, amiamo. Conoscere come atto d’amore, di responsabilità. Conoscere come rispondere, guardarsi dentro.

No, non si sono guardati dentro coloro che hanno continuato a difendere come bravi ragazzi gli stupratori di gruppo di una quindicenne. Oggi m’è toccato un sogno brutto leggendo i giornali, del resto il sogno bello ( don Ciotti, appunto ) è solo di due giorni fa, dovrò aspettare la notte. Eppure anche questo era stato un sogno bello appena qualche mese fa. Una intensa Dacia Maraini che denunciava con l’anima, col corpo, che piangeva nelle parole implorando che si smettessero gli abiti del silenzio, che l’amore non può essere rubato. E la mafiosità questo fa, anche.

Ogni tre notti c’è un sogno che mi consola. Meno male.

via Social4Web – http://www.social4web.com/blogs – Blog View – ogni tre notti c’è un sogno che mi consola.

Lascia un Commento

Pin It on Pinterest

Share This