Pages Navigation Menu

get the blog!

Qui Quo Qua, a loro insaputa

Qui Quo Qua, a loro insaputa

Qui Quo Qua, a loro insaputa

Pubblicato da Vita Marinelli il 6 ottobre 2012.

Angela, Katiuscia e Palma sono tre paperotte ignare d’essere paperotte, dopo il loro ingresso su Social4Web. Del resto, in tempi moderni, il detto ‘a sua, a mia, a nostra, vostra, loro insaputa’ va molto di moda. Già. Per Angela però temo che la questione possa esser ancora più delicata e scatenare una crisi d’identità non indifferente. Lei sin da piccola è sempre stata Calimero, un pulcino dunque e non un papero. E non pensate a un pulcino brutto, ché anzi Angela è bellissima. È che appena nata era meno di due chili, per l’appunto piccola e nera, colpa dei tanti capelli neri. Dicevo delle paperotte a loro insaputa. E presto, per questa loro nuova condizione, potrebbero accorgersi anche di avere trovato qui su Social4web un’altra zia, se non ne avessero già a sufficienza, e addirittura un prozio. Zia Guendalina e Zio Reginaldo. Io naturalmente sono zia Adelina. Da qui deriva la loro condizione di paperotte. Del resto io pure non sapevo d’essere oca, a mia insaputa pure io! È successa una sera di fine agosto la rivelazione. In una chat autentica fin verso le due di notte, ché tanto col caldo non si dormiva, e a lavorare l’indomani, che poi non era domani ma lo stesso giorno, non si andava. Questa cosa devo dirla, brevemente. Cioè che prima, prima di social4web, mi capitava di pensare a una chat come a qualcosa che non era normale, soprattutto non vera. Perché poi, pensavo, uno, dietro al proprio monitor, scrive quel che vuole. Eppure nelle chat, nei post o nei blog, si scopre la verità. Così quella sera di fine agosto appunto, ma poi sempre, la chat era davvero autentica e continuava ad esitare pensieri sincroni tra me e Barbara tanto che Salvo G. ci ha amorevolmente apostrofate come Adelina e Guendalina. Bla bla. Oggi di nuovo un pensiero sincrono diacronico, un commento di Barbara che puntualizzava un mio precedente senza esserne in disaccordo. M’è venuto da sorridere, ho ripensato a quella sera. Ho guardato sul lato destro e la foto di Katiuscia mi ha fatto subito rivedere le parentele qui su Social4web. É da un dubbio che sono arrivate le paperotte, a loro insaputa. Chissà se le mie nipoti s’aspettavano di trovare qui una zia oca?

via Social4Web – http://www.social4web.com/blogs – Blog View – Qui Quo Qua, a loro insaputa.

Lascia un Commento

Pin It on Pinterest

Share This